Come si scrive un post di un blog? Parliamone

Abbiamo scritto dell’importanza del blog e del piano editoriale, adesso è arrivato il momento di passare ai fatti. Come si scrive un post di blog? Ci sono decine di metodi per rendere un blog unico ed l’unicità è sicuramente qualcosa di importante per il successo di un blog, ma non è abbastanza.
Dalla tecnica alle idee, vediamo come si scrive un post di un blog.

Trova il tuo Tone of Voice

Lo stile di scrittura, anche detto Tone of Voice, è qualcosa a cui dobbiamo pensare all’inizio. Di solito scrivere per un blog significa avere uno stile informale e leggero, ma molto dipende dal tipo di blog di cui ci stiamo occupando e da come vogliamo rappresentarci. Il blog è parte integrante della nostra strategia di comunicazione online e il nostro linguaggio deve riflettere questo.
Il Tone of Voice è quella cosa che ci da l’unicità.
Una volta stabilita la linea di comunicazione possiamo passare agli argomenti da trattare e in che modo farlo.

L’importanza dell’utilità

Agli inizi i Blog erano veri e propri diari online. Le cose sono ovviamente cambiate e qui stiamo parlando di blog aziendali e per questi una delle cose importanti è creare contenuti che siano utili all’utente.
Essere utili significa dare quella cosa in più che serve ed è anche un modo come un altro per parlare di esperienze.
Mettere nero su bianco le nostre esperienze e il nostro sapere non è solo utile, ma serve anche a far capire al lettore che stiamo parlando di qualcosa che conosciamo bene. Questo è il modo migliore per dimostrare che siamo degli “esperti” e questo potrebbe essere un asso della manica e trasformare un utente in un cliente.

Okay, quindi l’utilità è importante, ma come possiamo scrivere un post che sia utile? Ecco alcuni consigli

  • Liste – Gli utenti amano le liste!
  • How To – Questo post è un tipico esempio di “How To
  • Case Study – Non c’è modo migliore per essere utili che offrire esperienze e casi studio
  • Risoluzione di problemi – Questo è uno degli approcci che ha fatto Aranzulla chi è oggi
  • Serie di post – Spesso e volentieri non basta un post per affrontare un argomento nel dettaglio. Una lista di post può essere molto utile anche in ottica SEO

La puntualità è tutto

Sfruttare le opportunità ed essere tempestivi è importante. Essere i primi a parlare di qualcosa, a sperimentare, significa avere un’influenza sulla nostra nicchia di mercato. Questo discorso si collega direttamente all’utilità ed è un altro modo per dimostrare la nostra conoscenza sul nostro settore.
Ma come si può essere tempestivi?

  • Recensioni – Le recensioni possono essere utili a prescindere, ma quando possibile parla per primo di nuovi prodotti o gadget a cui la tua azienda ha accesso.
  • News – Avere dei post sulle novità del settore è importante per dimostrare di essere sempre aggiornati
  • Segui i trend – Tutti stanno parlando del Fertility Day? Scrivere un pezzo su qualcosa di tendenza può aumentare la tua notorietà.

Non avere paura di essere divertente

Gli studi su fenomeni virali ci confermano che provocare emozioni può aumentare condivisioni ed engagement e l’emozione che ci fa condividere di più è l’ilarità. Essere divertenti è una strategia che può portare risultati, quindi non c’è da avere paura di osare.

  • Post con gif animate – Vanno tantissimo. Forse è il caso di provare?
  • Ironia e Sarcasmo – Funzionano sempre. Il tuo pubblico potrebbe apprezzare
  • Meme – Da “This is Bill” a “Le più belle frasi di Osho” i meme dimostrano di funzionare
  • Usa l’umorismo – Semplicemente scrivi i tuoi post con un po’ di humor

Non dimenticare di essere umano

Dietro ad ogni blog, ad ogni post sui social, c’è una persona. Spesso ce ne dimentichiamo ma è così ed è giusto che la persona “dietro le quinte” venga fuori, che abbia una sua personalità e che la dimostri. Qua si ritorna di nuovo al discorso dell’unicità, vero?
Se il tuo blog è fatto da più persone, come il nostro, è bene fare in modo di far conoscere queste persone al di là delle parole di un post. Questa è una tecnica che serve per cercare di far restare i nostri lettori sul nostro blog, formando un rapporto personale con chi ci legge. Questo è il mio intento, quando scrivo.

Stimola il coinvolgimento dell’utente

L’engagement è il Santo Graal per molti, per cui il nostro blog deve cercare in qualche modo di coinvolgere l’utente. Finora infatti abbiamo discusso i sistemi per poter ottenere più visite, più condivisioni e ottenere credibilità. L’engagement, ovvero il coinvolgimento dell’utente in prima persona, è più difficile da ottenere: vogliamo anche i commenti! Vogliamo che i nostri lettori siano attivi!
Come riuscire ad ottenere l’engagement?

  • Dai risposte – Un utente ti chiede qualcosa nei commenti? Scrivi un post sulle domande che ti arrivino dagli utenti
  • Scatena dibattiti – Opinione controversa? Prova a condividerla e guarda il dibattito che si scatenerà (attenzione a non esagerare!)
  • Previsioni – Tanto tempo fa ho detto che Google+ sarebbe stato una mezza fregatura. Fare una previsione è un modo per scatenare dibattiti
  • Contest – Non c’è modo migliore per scatenare l’engagment degli utenti: i concorsi a premi funzionano sempre tantissimo

E la promozione?

Okay, abbiamo parlato di tante belle cose, ma manca qualcosa, vero? Come facciamo a promuovere la nostra azienda e i nostri prodotti? Bella domanda, grazie per avermela fatta!
In una strategia di comunicazione completa c’è sempre una parte dedicata a questo. Con un blog si può affrontare la promozione in modi differenti e portare qualcosa di più sul piatto.

  • Case Study – Qua si ritorna al primo punto, ma sì, tocca ripetermi
  • Aggiornamenti aziendali – Nuovo ufficio? Nuovo prodotto? Nuovo servizio? Condividi le news collegate alla tua azienda
  • Eventi – Partecipi ad eventi? Comunicalo ai tuoi lettori e poi ricordati di fare un recap dell’evento
  • Dietro le quinte – Porta i tuoi lettori nel tuo backstage: è anche un buon modo per “essere umani”
  • I tuoi progetti – Descrivi, quando puoi, i progetti a cui la tua azienda sta lavorando

Cose da ricordare

Abbiamo parlato di come e cosa scrivere su un blog aziendale, ma ci sono alcune cose da ricordare, quando si parla di scrivere un articolo online. La struttura è importante tante quanto il contenuto. Guarda questo post per esempio: ci sono titoli e sottotitoli, vengono usati i grassetti, ci sono delle immagini, le liste… Quando scrivo devo pensare ai lettori, devo agevolare la lettura. Al momento ho scritto qualcosa come 1100 parole: sono tante da digerire e se non avessero una struttura difficilmente qualcuno le leggerebbe.

  • Forma – Come già detto: titoli, sottotitoli, liste puntate, grassetti, italico… la forma in cui presenti il tuo post deve essere ben curata
  • Immagini – I post blog sono fatti anche di immagini. Non dimenticartele: sono importanti.
  • Video – Aiutano la SEO e sono molto apprezzati anche dagli utenti
  • Infografiche – Fanno parte della categoria immagini, ma le infografiche sono molto di più.
  • Podcast – Stanno ritornando. Forse è il caso di pensarci

Da dove arriva l’ispirazione?

Siamo finalmente arrivati alla fine di questo articolo. Felici? Ci manca ancora un ultimo argomento da affrontare. Scrivere non è facile. Ci vuole tempo e bisogna dedicarcisi. Quindi da dove arriva l’ispirazione? Spesso bisogna andarla a cercare, perché si nasconde molto bene. Quando ho iniziato stamattina a scrivere questo post, sono stata per molto tempo a guardare la pagina bianca senza riuscire a mettere due righe di seguito, poi una volta cominciato non sono riuscita a fermarmi, ma è stato un processo lungo.
Cercare argomenti di cui trattare, nonostante tutto, non è facile, ma ci sono alcuni modi per aiutarsi.
Questo articolo per esempio è stato ispirato da questo post di Digital Marketer: la mia non è una mera traduzione dell’articolo originale, ma offro qualcosa di mio.
Seguire altri blog, stare attenti ai trend, trovare tempo: l’ispirazione arriva da qui.

The following two tabs change content below.

Elisa

Consulente di Web Marketing a Coccodè Creative / Acrossnowhere
Nel 1999 mi hanno regalato un computer e una connessione ad internet e il resto è storia. Mi occupo principalmente di SEO e di Social Media Marketing. Nel web mi conoscono come Acrossnowhere.

Leave a Reply

Your email address will not be published.Email address is required.